La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

PACE CONTRIBUTIVA 2019 – Il decreto 4/2019, convertito in legge a ridosso della sua scadenza il pomeriggio del 27 marzo, ha introdotto oltre al reddito di cittadinanza e alla riforma delle pensioni Quota 100 anche la pace contributiva.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Grazie a questa misura si ha ora la possibilità di colmare i buchi contributivi presenti nella propria carriera, cioè quei periodi non coperti da contribuzione presso nessun ente.

Ma come funziona la pace contributiva? A chi spetta e come fare per riscattare i contributi beneficiando delle agevolazioni previste?

Pace contributiva 2019 | Cos’è e come funziona

Il decreto approvato dall’esecutivo e ora convertito in legge prevede che, per il triennio in cui va in sperimentazione Quota 100 – quindi 2019-2021 – i lavoratori dipendenti e autonomi iscritti alla previdenza Inps possano riscattare i contributi dei periodi scoperti dal 1996 in poi.

Tale riscatto sarà relativo al periodo tra il primo e l’ultimo contributo accreditato e, riguardando solo coloro che hanno iniziato a lavorare dal 1° gennaio 1996, tocca tutti coloro che rientrano nel metodo di calcolo contributivo. La possibilità, quindi, è riservata agli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata dell’Inps o agli iscritti presso le gestioni sostitutive ed esclusive dell’assicurazione generale obbligatoria che non siano già titolari di pensione e che siano privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.

Potranno essere riscattati 5 anni al massimo, anche non continuativi, versando i contributi relativi a quel periodo. Tali contributi vengono calcolati in base a criteri ordinari: quindi, a ciascun anno che si intende riscattare, viene applicata l’aliquota di riferimento della gestione di appartenenza al reddito imponibile degli ultimi 12 mesi.

Per effettuare i dovuti versamenti sarà possibile avere una rateizzazione e pagare in massimo 120 rate, sulle quali non è prevista l’applicazione di interessi.

Quanto versato per riscattare i contributi può essere portato in detrazione nella dichiarazione dei redditi per il 50 per cento nei successivi 10 anni con rate continuative.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Se i contributi del riscatto sono necessari per l’immediata liquidazione della pensione – o lo sono in vista dell’accoglimento di una domanda di autorizzazione ai versamenti volontari – l’importo dovrà invece essere versato in un’unica soluzione.

Pace contributiva 2019 | Domanda

Per quanto riguarda la domanda per il riscatto dei contributi per i periodi non coperti, questa potrà essere presentata dal richiedente, dai suoi superstiti o dai parenti ed affini entro il secondo grado.

Il modulo Inps che è necessario compilare e presentare direttamente negli uffici territoriali dell’istituto di previdenza è l’AP135.

La pace contributiva, inoltre, riguarda anche il riscatto degli anni della laurea: il riscatto cosiddetto flessibile vale per tutti (e non solo per gli under 45 come previsto inizialmente).

Entrambi i riscatti, sia della laurea che dei contributi, vede il coinvolgimento attivo anche di imprese e datori di lavoro. Questi potranno infatti utilizzare i premi di produzione che spettano al lavoratore per sostenere la sua richiesta di riscatto.

L’articolo PACE CONTRIBUTIVA 2019 – Il decreto 4/2019, convertito in legge a ridosso della sua scadenza il pomeriggio del 27 marzo, ha introdotto oltre al reddito di cittadinanza e alla riforma delle pensioni Quota 100 anche la pace contributiva. proviene da #adessonews adessoagevolazioni News Agevolazioni e Finanziamenti.

L’articolo PACE CONTRIBUTIVA 2019 – Il decreto 4/2019, convertito in legge a ridosso della sua scadenza il pomeriggio del 27 marzo, ha introdotto oltre al reddito di cittadinanza e alla riforma delle pensioni Quota 100 anche la pace contributiva. proviene da adessonews Finanziamenti Agevolazioni Investimenti Norme e Tributi.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: